Fotografo matrimonio: l’importanza della spontaneità

FotografoooooNon è il finto sorriso stampato in volto, la posa ingessata e statica e gli occhi stanchi a fare di una fotografia, per quanto magari tecnicamente bella, un pozzo di ricordi. E’ la dinamicità, quell’attimo sfuggito agli occhi dei più che rende lo scatto unico e veramente degno di essere vissuto più e più volte.

Il fotografo matrimonio questo lo sa bene. Conosce l’importanza intrinseca che risiede nei particolari, in tutti i sorrisi, negli stati d’animo che necessariamente mutano dal momento in cui la sposa mette piene in chiesa e da quando esce dal ricevimento stanca ma felice.

Lo scopo di un bravo fotografo è quello di immortalare certi attimi, anche quelli più insignificanti, per riuscire a donare un buon ricordo ai protagonisti del matrimonio. Le fotografie devono essere il più naturale possibile, devono trasformarsi in un reportage capace di raccontare attraverso le immagini, in modo spontaneo, l’andamento della giornata.

Il fotografo matrimonio deve essere capace di immortalare gli attimi più veri di una cerimonia. Deve saper cogliere l’amore, l’intimità e il calore di certi istanti, soprattutto quelli che sono passati inosservati agli occhi della maggioranza.

Non importa che stile di matrimonio sia. Se il più classico o quello sopra le righe, se si tratta di una cerimonia con pochi intimi oppure molto affollata. La cosa importante è di realizzare scatti ottimi e sinceri.

Saper offrire tutto questo significa garantire un lavoro davvero ben riuscito. La professionalità di un fotografo non si misura solo dallo scatto tecnicamente perfetto, ma dall’emozione che riesce a catturare in una semplice immagine. Per riuscirci è importante conoscere prima gli sposi così da instarare subito un corretto feeling e una stima reciproca. Non dimentichiamoci poi l’importanza del primo incontro, durante il quale il fotografo potrà mostrare il proprio portfolio.

You may also like...